POMODORO, RIUNIONE MINISTERO. CIA PUGLIA, “Incontro positivo, resta l’allarme prezzi”

POMODORO, RIUNIONE MINISTERO. CIA PUGLIA, “Incontro positivo, resta l’allarme prezzi”
maggio 25 22:20 2017 Stampa articolo

Pomodoro, riunione al Mipaaf. Cia Puglia: “Prezzi troppo bassi”. Positivo l’incontro tenuto al Ministero, servono passi avanti su prezzi e contratto.

“Si all’Organizzazione Interprofessionale, come avvenuto per il Nord”. Presente anche Michele Ferrandino, presidente provinciale CIA Foggia

Il rilancio del comparto del pomodoro da industria del Sud è stato al centro della riunione che si è svolta oggi, a Roma, nella sede del Ministero alle Politiche Agricole. All’incontro, convocato dal dicastero di via XX Settembre, hanno partecipato le rappresentanze agricole e cooperative e le Unioni. Per CIA Agricoltori Italiani era presente, tra gli altri, Michele Ferrandino, presidente provinciale di CIA Foggia. Alcune proposte illustrate durante la riunione sono positive, ma resta urgente trovare una quadra sui prezzi e quindi sul contratto.

CIA Agricoltori Italiani esprime apprezzamento per la sensibilità mostrata dal Ministero. Apprezzabile il lavoro che si sta facendo per facilitare il dialogo tra le parti, al fine di giungere a una soluzione sul contratto, e quello prodotto per mettere in campo proposte utili a valorizzare un prodotto chiave dell’agricoltura meridionale, attraverso strumenti innovativi come il sistema di qualità nazionale ed una promozione ad hoc.

CIA Agricoltori Italiani, tuttavia, esprime ancora una volta grande preoccupazione riguardo l’allungamento oltre misura dei termini per la contrattazione e della proposta inaccettabile dell’industria, con prezzi al di sotto dei costi di produzione.

A meno di due mesi dall’inizio delle operazioni di raccolta, vi è l’assenza formalizzata di un obiettivo di programmazione, di regole chiare sulla cessione del prodotto e di un prezzo di riferimento concordato. E’ necessario che la discussione riparta subito, in questa ottica sarebbe utile un intervento del Ministro in prima persona, perché senza l’Accordo Quadro e in assenza di regole concordate sarà penalizzato tutto il comparto. Altro tema discusso nella riunione al Mipaaf è stato quello della costituzione dell’organizzazione interprofessionale nel Centro Sud, strada necessaria per rafforzare la filiera.

La Cia sostiene che lo strumento interprofessionale del pomodoro da industria dovrebbe essere nazionale, con articolazione in circoscrizioni territoriali, in modo che funzioni univocamente strategiche come promozione e ricerca possano essere svolte in forma orizzontale. Guardiamo con interesse alla trasformazione del Distretto del Centro Sud in OI (Organizzazione interprofessionale), analogamente a quanto avvenuto nel Nord, e lavoreremo per valorizzare questo percorso. 



Vedi più

Articoli Autore

spaziofoggiaadmin
spaziofoggiaadmin

Vedi più articoli
Scrivi commento

0 Comments

Nessun commentro trovato

Commenta per primo.

Aggiungi commento

I vostri dati non verranno condivisi L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi .
Tutti i campi sono obbligatori.

Scrivi il codice * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.