Risultati Indagine sugli affitti universitari in Puglia – ADISU Puglia e Cercoalloggio

Risultati Indagine sugli affitti universitari in Puglia – ADISU Puglia e Cercoalloggio
aprile 26 15:03 2016 Stampa articolo

Sono studenti/esse tra i 18 e i 25 anni, prendono casa in affitto nelle città in cui studiano, quasi sempre in appartamenti da condividere con altri coetanei. Ogni estate sono alla disperata ricerca di un una nuova casa, cercando occasioni principalmente su Internet, anche se non manca chi ancora preferisce consultare i volantini affissi sulle bacheche universitarie. Firmano un contratto d’affitto, ma spesso non conoscono i benefici, vantaggi e diritti del contratto che stipulano.

E’ questo il quadro emerso dall’indagine sugli affitti universitari in Puglia, promossa e diffusa tramite i canali online da “Apulia Student Service Soc.Coop.r.l.” grazie al servizio “Cerco Alloggio Puglia”, in collaborazione con A.Di.S.U. Puglia e grazie al supporto dell’Università di Bari, del Politecnico di Bari, dell’Università del Salento, dell’Università di Foggia, dell’Accademia delle Belle Arti e del Conservatorio di Foggia.

Il questionario ha raccolto i giudizi di circa 700 studenti che hanno valutato le condizioni di abitabilità delle case in cui vivono e raccontato la loro esperienza d’affitto in relazione alla tipologia di contratto di locazione stipulato con il proprietario e ai canali utilizzati per trovare un alloggio.

I risultati hanno confermato alcune tendenze tra gli studenti: si preferiscono cercare e prendere in affitto camere singole (anziché doppie in condivisione) in appartamenti da condividere con altri 3-4 studenti con l’obiettivo di abbattere i costi della vita da studenti fuorisede. La maggior parte (in media il 45,2%) ha valutato abbastanza soddisfacenti le condizioni della casa in cui vive, mentre il 28% si è dichiarato poco soddisfatto.

Relativamente ai prezzi degli affitti, Lecce e Foggia si confermano come le città universitarie più economiche in cui vivere in Puglia. Per gli studenti del capoluogo salentino il canone dell’affitto – utenze escluse – si attesta nelle fasce tra i 140-179 € (il 42%) e i 180-219€ (il 38,2%), per un canone medio di 178 €. Per quanto riguarda Foggia invece circa il 51% degli studenti dichiara di pagare un affitto compreso tra i 180-219€ (anche se un significativo 24,5% si pone nella fascia tra i 140-179€), per un canone medio di 176 € al mese.

Dal confronto emerge che sono gli studenti di Bari a pagare un costo d’affitto più alto con quasi il 47% degli intervistati che afferma di pagare un canone mensile tra i 180€ e i 259€, per un canone mensile medio di 218 €.

Sono invece le condizioni contrattuali a livellare le differenze tra gli studenti delle tre città pugliesi. L’87% degli studenti dichiara di aver ricevuto dal proprietario una copia del contratto registrata presso l’Agenzia delle Entrate. Di questi, quasi il 64% dichiara di non sapere/non ricordare quale tipologia di contratto ha stipulato con il proprietario della casa in affitto, se a canone concordato o a canone libero. Emerge così in modo netto una chiara asimmetria informativa tra i proprietari e gli studenti in relazione alla conoscenza delle tipologie di contratto.

In un’epoca in cui i servizi sono sempre più digitalizzati, in cui le informazioni viaggiano e si condividono sui social network e su Internet, è interessante vedere come gli studenti in Puglia per cercare casa ricorrano ancora alle tradizionali bacheche universitarie (il 36,3%) o al passaparola con gli amici (quasi il 19%). I social network (il 75,4%) e i siti/portali specializzati nell’affitto (il 27%) restano tuttavia i canali privilegiati per cercare una casa/stanza in città.

In questa logica di complementarietà tra canali tradizionali e digitali, il servizio “Cerco Alloggio” con la piattaforma www.cercoalloggio.com, l’utilizzo dei social network come “sportello virtuale” per gli studenti 24/24h. e la pubblicità sui canali tradizionali, ha dimostrato di essere un punto di riferimento per l’80,2% degli studenti intervistati nelle città di Bari, Foggia e Lecce. Più nello specifico, il 42,7% ammette di averne sentito parlare, mentre il 37,5% dichiara di averlo utilizzato come canale per trovare casa in città con livelli di soddisfazione raggiunti abbastanza alti. Tra questi infatti, l’80,8% ha espresso un grado di giudizio molto/abbastanza soddisfacente del servizio; solo il 19,2% si è dichiarato poco/per niente soddisfatto.

I risultati del questionario e la buona riuscita del progetto Cerco Alloggio Puglia hanno portato la Cooperativa Apulia Student Service a lavorare, per l’anno 2016, all’integrazione di nuove funzioni sulla piattaforma per migliorare l’esperienza di ricerca dell’alloggio e la procedura di sottoscrizione di contratti regolari.

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

www.cercoalloggio.com è una piattaforma digitale d’incontro tra domanda e offerta di case di qualità, che permette, con una ricerca facile, semplice e gratuita, di contattare direttamente i proprietari e trovare alloggi su misura, rispettando le richieste ed esigenze di ogni studente.

Gli alloggi presenti sul sito rispettano i requisiti di sicurezza e vivibilità previsti dalla normativa nazionale e sono certificati tramite un sopralluogo realizzato dallo staff.

Il progetto è stato vincitore del bando “Principi Attivi 2012” finanziato dalla Regione Puglia e realizzato in via sperimentale nella città di Lecce nell’anno 2014. Dal Luglio 2015 il servizio è stato esteso anche nelle città universitarie di Bari e Foggia, a seguito del finanziamento del servizio da parte dell’A.Di.S.U. Puglia.

Approfondimento: Infografiche_Indagine_Affitti_Puglia 20152016



Vedi più

Articoli Autore

spaziofoggiaadmin
spaziofoggiaadmin

Vedi più articoli
Scrivi commento

0 Comments

Nessun commentro trovato

Commenta per primo.

Aggiungi commento

I vostri dati non verranno condivisi L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi .
Tutti i campi sono obbligatori.

Scrivi il codice * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.