Il violinista foggiano Dino De Palma con la Filarmonica di Craiova diretta da Walter Attanasi

Il violinista foggiano Dino De Palma con la Filarmonica di Craiova diretta da Walter Attanasi
febbraio 16 11:09 2018 Stampa articolo

Il violinista foggiano Dino De Palma con la Filarmonica di Craiova diretta da Walter Attanasi

Dino De Palma continua a stupire le orchestre del mondo col suo violino mantegazza del 1795.

Ora il violinista foggiano è a Craiova, in Romania, col noto direttore Walter Attanasi per un programma di grande virtuosismo che tocca le pagine di Paganini e Saint-Saens.

 

Il violinista foggiano Dino De Palma apre il suo 2018 con importanti collaborazioni, inanellando ospitalità come violinista solista in prestigiose orchestre. Dopo un 2017 che lo ha visto presente in Corea, Germania, Iowa, il 2018 si apre con il concerto di venerdì 16 febbraio con la Filarmonica di Craiova diretta da Walter Attanasi, in cui De Palma si confronterà con due tra i pezzi più virtuosistici per violino e orchestra: l’Introduzione e Rondó Capriccioso di Saint-Saens e le variazioni su tema di Rossini di Niccoló Paganini, strabilianti variazioni di bravura sulla quarta corda.

De Palma continuerà il suo tour negli Stati Uniti, dopo una continua serie di successi di pubblico e di critica che stanno annoverando il musicista foggiano tra i più rilevanti solisti della sua generazione.

Apprezzata già in passato la sua interpretazione della cosiddetta Sonata a preghiera sulla sola quarta corda di Paganini, che si basa sul tema dell’aria “Dal tuo stellato soglio” del Mosè in Egitto di Gioacchino Rossini. Paganini la compose intorno al 1819. Il noto tema rossiniano è proposto per tre volte dal violino, dapprima nel registro grave, poi un’ottava sopra, infine in armonici. Il brano, considerato tra i più virtuosistici e complessi per il violinista, viene suonato da De Palma con grande naturalezza ed estrema bravura, tanto da essere chiamato dalle orchestre di tutto il mondo per eseguirlo.

Anche a Cremona Musica 2017, De Palma aveva stupito il pubblico con questa composizione, eseguita col suo inseparabile violino Mantegazza del 1795, compagno di viaggio prezioso di un musicista che sta portando il nome di Foggia alla ribalta internazionale.



  Categories:
Vedi più

Articoli Autore

spaziofoggiaadmin
spaziofoggiaadmin

Vedi più articoli
Scrivi commento

0 Comments

Nessun commentro trovato

Commenta per primo.

Aggiungi commento

I vostri dati non verranno condivisi L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi .
Tutti i campi sono obbligatori.

Scrivi il codice * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.