Svariati sono i trucchi, più o meno ufficiali, che permettono, con le dovute accortezze, di ottenere una navigazione più fluida e veloce su internet.
Spesso, la ricchezza di immagini e video di una pagina web può rallentarne il caricamento, rendendo difficoltosa la navigazione e facendo perdere la pazienza.

Aggiornamenti per Google Chrome

Per rendere più fluida e piacevole l’esperienza di navigazione, da poco Google Chrome ha introdotto una nuova funzionalità, che una volta attivata tramite un apposito flag nelle relative impostazioni, permetterà con delle gesture di:

  • Passare alla pagina precedente della cronologia delle schede con il dito che passerà da sinistra verso destra;
  • Passare alla pagina successiva della cronologia delle schede con il dito che passerà da destra verso sinistra.

Non ci sarà bisogno di attendere per usufruire di queste novità, perché sono già disponibili sull’ultima versione del popolare browser liberamente scaricabile dal Play Store.

Le app inutili

Spesso, ci si trova il telefono (o il computer) pieno di applicazioni più o meno inutili installate.
Queste non solo sono ree di rallentare l’apparecchio (più satura sarà la memoria, più lenti saranno smartphone e pc, sopratutto se si tratta di modelli poco prestazionali), ma, rimanendo aperte in background (quindi non “a vista”), ruberanno connessione, rendendo di contro la reale navigazione più lenta.

Si dovrà avere quindi l’accortezza di chiudere realmente tutto ciò che non ci occorre in quel preciso istante tramite l’apposito task manager.
Una buona applicazione, però, per capire se il problema della lentezza di navigazione dipenda dal nostro apparecchio e da agenti esterni, è quella riguardante lo Speed Test: una volta analizzata la velocità effettiva di rete, in quel momento sapremo come “muoverci”.

I trucchi per navigare in internet più velocemente

Non tutti i browser hanno gli stessi requisiti per funzionare e assorbono in egual misura le risorse di smartphone o pc.

Ci sono browser come Google Chrome o Mozilla Firefox, famosi per la loro completezza di plug-in e integrazioni che li rendono quasi dei mini sistemi operativi, ma ovviamente più pesanti, e browser come Opera, più scarni ma decisamente più leggeri.

Dopo avere quindi scelto quello corretto e più consono alle nostre esigenze, ci saranno piccoli accorgimenti da tenere per rendere più veloce la navigazione, e riguardano il browser stesso:

  • Non aprire troppe finestre del browser: ogni volta che lo faremo, sarà come se aprissimo più volte lo stesso programma, aumentando di conseguenza il dispendio di risorse di sistema;
  • Non aprire troppe schede contemporaneamente (massimo 5 o 6);
  • Ridurre il numero di estensioni installate. Abbiamo detto che alcuni browser oramai sono dei veri e propri sistemi operativi con vita propria, quindi come per ogni s.o., anche in questo caso un eccessivo numero di installazioni di programmi di terze parti porterà il browser stesso al rallentamento.Se ci si trovasse nel dubbio di poter avere necessità future di una determinata estensione, senza disinstallarla sarà possibile la semplice disattivazione, cosi da poterla ripristinare all’occorrenza;
  • Cancellare la cronologia e la cache. La prima azione ci tornerà utile ai fini della privacy, la seconda perché il browser è come una macchina cui fare manutenzione: durante il suo utilizzo, tutta una serie di dati di navigazione verranno salvati, per rendere più agevoli le navigazioni future. Quando, passando il tempo, tutte queste informazioni però si accumuleranno eccessivamente, si otterrà l’effetto contrario, cioè proprio quello di un rallentamento: fare pulizia una volta ogni due o tre mesi è quindi sempre indicato;
  • Controllare ed effettuare scansioni alla ricerca di virus. Molteplici sono i programmi dannosi che si possono infiltrare nel nostro pc, e seppur vengano sempre chiamati dalla massa virus, sono in realtà di varia natura: malware, spyware, worm, etc.La regola di base è che tutti questi programmi dannosi, oltre al più che ovvio pericolo di compromettere i nostri file e la nostra privacy, rubano banda internet disponibile, sottraendola di conseguenza alla normale navigazione. Esistono sia programmi (o app) specifiche per uno di questi nello specifico, che generici.

Sempre meglio la connessione via cavo

Sebbene per ovvi motivi la connessione wi-fi sia comoda perché ci permette di navigare in qualsiasi luogo della casa ove siamo ubicati, è sempre preferibile, ove possibile, una connessione via cavo: la banda sarà sfruttata al meglio utilizzando una delle porte rj45 del router, regalandoci prestazioni che difficilmente potranno essere raggiunte con il wi-fi.

Un buon compromesso, a metà strada fra il wi-fi e la connessione via cavo, si ottiene con i Powerline, che veicolano la banda tramite la rete elettrica.

Cambiare modem o operatore

Abbiamo già adottato tutti i consigli precedenti, ma senza risultati?
Non sempre la colpa è nostra o dei nostri dispositivi. Ci sono situazioni in cui potrebbe essersi danneggiato il router/modem oppure un filtro adsl (che – ricordiamo – deve essere installato su ogni presa dove è presente un apparecchio telefonico).

In certi casi, potrebbe essere direttamente il nostro operatore telefonico a non offrirci un servizio adeguato: quindi se, dopo aver escluso tutti i fattori che possono portare a un nostro “dolo”, ancora non fossimo soddisfatti della velocità di navigazione, (da non trascurare mai nemmeno il fattore cavi, che possono guastarsi creando non pochi problemi), sarebbe bene prendere in considerazione la possibilità di cambiare gestore telefonico con uno più performante recandosi su uno dei molti siti di comparazione prezzi e scegliendo l’operatore telefonico con le migliori offerte (Fastweb ADSL al momento offre le migliori sul mercato in rapporto qualità/prezzo).

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Scrivi il codice * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.