Il Pancotto e la cucina bioenergetica

Il Pancotto e la cucina bioenergetica
maggio 10 12:49 2016 Stampa articolo

Il pancotto al pari di altri piatti tipici della regione Puglia, è di origine greca e rientra tra i capisaldi della tradizione alimentare ellenica, questi capisaldi sono l’olio,il vino ed i farinacei. Le origini sono quindi antiche e molti piatti restano ancorati alle origini. Nell’area di Foggia e del Salento la tradizione di base nella ricetta e nella preparazione è rimasta almeno un pochino ma ciò che resta in maniera significativa è la ricerca del gusto e la preservazione degli antichi sapori. La bellezza dei popoli mediterranei deriva per molti anche da un consumo minore di carne, che donava ai volti una specifica linearità. Il concetto di bioenergetica è legato indissolubilmente a quello di biodiversità e l’esaltazione di un territorio ricco di quest’ultimo elemento poco sopra menzionato, ha consegnato alla storia – e al presente – una grande e importante capacità di adattarsi ad un territorio conoscendone e usufruendo al meglio delle risorse a disposizione che lo hanno nel corso dei secoli, caratterizzato.

      1. Il terrazzano

Questa è una figura tipica dell’area del foggiano, benchè le sue nomee siano molte, osservando questa figura da un altro punto di vista la si può considerare come sciamanica e capace di distinguere e cogliere le varie offerte genuine che la Madre Terra ci fa. Le verdure in quest’area dell’Italia sono fonte di cibo importante, a differenza di molte altre aree geografiche nel mondo, il foggiano le sfrutta per il proprio benessere alimentare e fisico da tempo immemore. Al pari del consumo dei prodotti della Terra, è cresciuta anche la consapevolezza e l’evoluzione nella preparazione di certi piatti tipici, ma anche del gusto. Il pane era considerato come una ricchezza e le pagnotte erano molto grandi. Oggi il pane indurito raramente viene reinpiegato mentre in passato veniva ammorbidito e mangiato con ricette tipiche e semplici ad esempio aggiungendo sale, olio e pomodoro, oppure – appunto – per fare il pancotto.

Il Pancotto

Questo piatto tipico è davvero molto semplice da realizzare. Importante ed esseziale la genuinità dei prodotti impiegati il pane vecchio – ad esempio – deve essere realizzato con farina non trattata. Potete anche decidere di prepararlo voi il pane utile a fare il pancotto. Altro ingrediente è l’olio che deve essere biologico per esaltare al massimo le qualità del prodotto. Le piante devono essere spontanee o se invece le avete coltivate non devono esserci veleni. Questi gli ingredienti e le caratteristiche migliori degli stessi.

Ricetta del pancotto:

  1. Buttate le patate sbucciate in acqua – due, tre o quattro –
  2. Una volta che l’acqua bolle aggiungete: cicoria selvatica, catalogna, cime di rapa, rucola, finocchiella, bietole e marasciul.
  3. A questo punto attendere 5 minuti e poi buttare il pane raffermo.
  4. Un altro po di tempo e scolate – il tempo necessario è quello di far leggermente ammorbidire il pane – condite con olio extravergine di oliva e saòle e servite in tavola.

La cucina è anche un modo per conquistare la serenità interiore e il benessere di corpo e spirito. Il fritto è associato al principio maschile ad esempio mentre cotture più salutari sono associate a quello femminile, di conseguenza se si necessità di armonia si prepareranno piatti Yin (femminile). Importante è riconoscere però i segnali del nostro corpo e assecondarli magari con piatti tipici come il pancotto.

 



  Categories:
Vedi più

Articoli Autore

spaziofoggiaadmin
spaziofoggiaadmin

Vedi più articoli
Scrivi commento

0 Comments

Nessun commentro trovato

Commenta per primo.

Aggiungi commento

I vostri dati non verranno condivisi L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi .
Tutti i campi sono obbligatori.

Scrivi il codice * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.