Immagine facebook
Immagine facebook

Quando nasci nelle periferie del Sud Italia, solo la tenacia ti permette di realizzare i sogni. E quasi sempre lontano dalla famiglia e dagli amici di una vita. È ciò che è accaduto a Stefano Mancino, professione calciatore, che stasera potrebbe esordire in serie B con la maglia del Varese, nella sfida contro la Virtus Entella.

Stefano è un terzino destro, classe 1997, di Casalnuovo Monterotaro, ridente paesino delle colline daune, cresciuto nell’Accademia Calcio Lucera. Dopo alcuni mesi trascorsi nelle giovanili del Chieti, è arrivata la chiamata da Varese. Il provino va bene. Cosa si fa? È l’occasione della vita. Stefano accetta. I primi periodi non sono facili, ma lui conquista tutti, anche la fascia di capitano della squadra Primavera. Si trova ad affrontare campioni del calibro di Bernardeschi (Fiorentina), ma lui non ha paura perché chi è cresciuto sui campi polverosi delle periferie non ha paura di niente. Questo è solo l’incipit di una storia destinata al lieto fine, ma i capitoli da scrivere sono ancora molti. Il Varese non ha più nulla da chiedere al campionato, ormai la retrocessione in Lega Pro è ad un passo, ma ricorda che tu hai un nuovo capitolo della tua storia calcistica da scrivere. E non sarai solo…

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Scrivi il codice * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.