Foggia – Non si placa l’ondata di polemica nata intorno al discusso hashtag a sfondo sessista lanciato, in queste ore da una agenzia di comunicazione, che si fa chiamare ‘BeShaped’. L’immagine in discussione dovrebbe incitare a votare ‘SI’ al referendum del 17 aprile prossimo, ma di fatto rappresenta una vignetta a sfondo chiaramente sessuale, che poco o nulla centra con la normale propaganda informativa divulgata in questi giorni dai movimenti no-triv favorevoli all’abrogazione del quesito referendario. Il Comitato No-Triv per la provincia di Foggia ha deciso di aderire al messaggio di condanna lanciato unitariamente dagli organi del coordinamento nazionale. “Ci dissociamo e condanniamo la campagna referendaria dell’agenzia ‘beShaped’ diffusa con lo spot”. Si legge nella nota divulgata. “’Trivella tua sorella’ – scrive in chiosa il comitato – è un messaggio espresso attraverso una grafica che allude esplicitamente allo stupro. Si parla di una comunicazione che non sai veicolare un messaggio in positivo, e che ha bisogno di richiamarsi alla violenza subita dal mare proprio perché non riesce ad uscire dal meccanismo perverso della strumentalizzazione del corpo. E questo è un fatto gravissimo”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Scrivi il codice * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.