Oggi siamo sempre pronti nel puntare il dito sulla cattiva Sanità ospedaliera, sui giornali cartacei e sui siti si legge sempre che la Santità, gli ospedali stanno andando a rotoli, ma questa notizia che pubblichiamo è per fare un plauso all’ Ospedali Riuniti nel reparto Chirurgia d’Urgenza e di Maternità nel foggiano.

La neomamma in un messaggio ringrazia l’ Ospedale Riuniti di Foggia

La neo mamma con il suo neonato si trovavano in pericolo di vita, trasportati subito al pronto soccorso la futura madre, infatti era alla trentesima settimana, gli infermieri l’hanno condotta al reparto di ginecologia, qui dopo i dovuti accertamenti gli viene eseguita una assistenza chirurgica “per esaminare l’ileostomia che era in prolasso”.

L’intervento, è stato fatto con scrupolosità ed abilità per scansare delle complicazioni al bimbo, al momento appariva che il problema era stato risolto, ma purtroppo, la signora ha cominciato dopo un poco, nel avere forti dolori.

Il dott. Fausto Tricarico, con la sua l’equipe e con la cooperazione dei medici della Ginecologia e della Neonatologia, hanno dato il massimo salvando la madre e il suo piccino.

I “Venti angeli della sala operatoria”

Ecco come sono stati soprannominati questi medici, nel messaggio della neo mamma, che hanno salvato la vita a lei ed al sua piccola creatura che portava in grembo: “Venti angeli della sala operatoria”

Questa “storia” è accaduta a settembre, ma oggi la signora ha voluto rendere noto ciò che gli è accaduto, per ringraziare pubblicamente i suoi “Venti angeli della sala operatoria

I medici hanno raccontato le loro perplessità, la donna le sue paure

“La situazione era complicata, il bambino era troppo piccolo per farlo nascere, non potevano effettuare esami specifici perché potevano causare danni al nascituro”. Si decide di procedere con intervento esplorativo. Operata un’altra volta il 10 settembre 2018, ecco il “miracolo”, rivela la neomamma: “Una ventina di angeli in sala operatoria hanno salvato la vita mia e quella di mio figlio, il quale nonostante i parametri buoni, presentava il cordone ombelicale legato due volte in gola e il distacco della placenta”.

Oggi la mamma con il suo bambino stanno benissimo, per questo motivo la signora havoluto ringraziare tutti i medici e le infermiere reparto Chirurgia d’Urgenza e di Maternità di Foggia.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Scrivi il codice * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.