Cerignola, costrette a pagare per aboritre, arrestati medici dell’ Ospedale

Cerignola, costrette a pagare per aboritre, arrestati medici dell’ Ospedale
luglio 11 18:28 2014 Stampa articolo

carabinieriNonostante l’ interruzione volontaria della gravidanza, entro 90 giorni dal suo concepimento, risulti essere gratuita e a carico del servizio sanitario, Osvaldo Battarino, 56 anni, Dirigente medico responsabile del servizio di interruzioni volontarie delle gravidanze presso l’ Ospedale “Giuseppe Tatarella” e Giuseppe Belpiede di anni 62, costringevano a versare la somma di 100 euro, in contati,  per poter effettuare l’ aborto all’ interno della struttura.

O ci dai 100 euro o niente aborto

Le prime indagini sono iniziate alla fine del 2013 a seguito di una denuncia.

A seguito di controlli i Carabinieri hanno accertato almeno 20 casi analoghi a quello denunciato.

Da alcune  intercettazioni, Battarino, ammetteva di svolgere tale operazione “500 volte l’ anno da 25 anni“.

Le prestazioni avvenivano nel normale orario di lavoro e nella struttura Ospedaliera, mentre,  il compenso per l’ intervento, veniva suddiviso in egual misura tra il Dirigente medico, Battarino e l’ Anestesista, Giuseppe Belpiede.

I due soggetti, fortemente indiziati, sono stati posti agl’ arresti domiciliari e arrestati a seguito di esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP di Foggia su richiesta della Procura.



  Categories:
Vedi più

Articoli Autore

spaziofoggiaadmin
spaziofoggiaadmin

Vedi più articoli
Scrivi commento

0 Comments

Nessun commentro trovato

Commenta per primo.

Aggiungi commento

I vostri dati non verranno condivisi L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi .
Tutti i campi sono obbligatori.

Scrivi il codice * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.