guardiafinanzaI finanzieri del Gruppo Investigazione Criminalità Organizzata di Bari, in collaborazione con personale dello SCICO di Roma, a seguito di un’ intensa attività investigativa, hanno bloccato questa mattina all’ alba un maxi giro di vendita di sostanza stupefacente.

Nello specifico 6 persone arrestate, 34kg di sostanza stupefacente sequestrata e 15 milioni di euro tra beni mobili  e immobili messi sotto sequestro per “sproporzione”.

Il punto di riferimento del Clan, Carmine Delli Carri, classe 39enne, era la persona che gestiva quasi tutto il sistema, i suoi compiti andavano dalla gestione della fase di approvvigionamento oltre che a quella della successiva commercializzazione della droga, solitamente venduta ad una clientela selezionata, fidelizzata mediante un sistema di consegne a domicilio, ordinativi fatti tramite Facebook con possibilità di dilazionare i  pagamenti.

Oltre a Delli Carri vi erano altre persone di “spicco” nell’ associazione tra cui Domenico Piserchia e Domenico Scrocco che si occupavano principalmente della vendita, anche in altre Regioni come il Molise e le Marche, Francesco Magrone, 29enne e Francesco Mansi, 26enne, cerignolani, invece si occupavano della vendita della sostanza stupefacente in Lombardia, tramite alcuni “agganci”, come ad esempio “lo zio”, il 57enne Michele Perrucci.

Da alcun analisi effettuate dalle forze dell’ ordine, sembra che il Clan era capace di commercializzare circa 20kg di sostanza stupefacente al mese che ammonterebbero a circa 60mila euro di profitti mensili.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Scrivi il codice * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.