spaccio-marijuana-vico-del-garganoUna vera e propria filiera quella scoperta dai Carabinieri in località “Giardino”, tra Cerignola e Zapponeta, circa 4000 metri quadri di terreno adibiti alla coltivazione di Marijuana.

Nonostante i controlli iniziati da tempo e l’ uso di telecamere per catturare immagini anche a lunga distanza, la scoperta da parte dei Carabinieri è avvenuta quasi per caso e a seguito di un controllo di routine.

Tra la vasta vegetazione mediterranea, ben nascosti, 4000 metri di terreno adibiti alla coltivazione di Marijuana.

L’ area era suddivisa in 4 parti.

La prima area era quella “vivaio” dove vi era una vera e propria serra nella quale si trovavano 27 contenitori di polistirolo contenenti oltre 5000 piantine di marijuana di una grandezza variabile tra 5 e 6 centimetri.

La seconda area era adibita all’ essiccazione della sostanza ed era munita di 250 cassette contenenti circa 84 kg di Mrijuana.

All’ interno di un vecchio casolare, adibito a deposito delle cassette contenenti la sostanza stupefacente, sono stati ritrovati altri involucri di cellophane contenenti 500 grammi di marijuana cadauno.

Dalle analisi effettuate presso un laboratorio è risultato che al sostanza ha un principio di THC pari al 6%.

I “proprietari” della filiera corta, rispettivamente Vincenzo Lombardi e Giuseppe Nenna, 58enni di Trinitapoli e Francesco Napoli di Melicuccio, provincia di Reggio Calabria, sono stati arrestati in flagranza di reato con accuse molto gravi dato il grosso quantitativo di sostanza stupefacente. Infatti, dalla vendita della sostanza, i 3 soggetti arrestati avrebbero ricavato circa 400 mila euro con la vendita di oltre 220 mila dosi.

Qui di seguito un Video del Comando Provinciale dei Carabinieri di Foggia in merito alla piantagione.

 


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Scrivi il codice * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.